Un po’ di dati

Per chi ama i numeri e le curiosità

7009 km da Perth (Western Australia) a Canberra (ACT- Australian Capital Territory)

915 km in Tasmania (compresi nei 7009)

71 tappe cioè 71 giorni sui pedali

Media 98,71 km a tappa

Tappa più lunga 157,85km da Mundrabilla (Western Australia) a rest area sulle Bunda cliff (Southern Australia) Nullarbor

Tappa più breve 26,32 da Augusta ad Alexander bridge (western Australia)

Giornata più lunga sui pedali 9h e 9 m. 141 km da Moruya a falls Creek (New South Wales)

1210 m sul livello del mare la cima più alta raggiunta, in Tasmania sul lato nord del Great Lake

1200 km per attraversare il Nullarbor la zona arida e remota tra Norseman (Western Australia) e Ceduna (South Australia)

9 litri d’acqua la scorta giornaliera per attraversare il Nullarbor

11 giorni per attraversare il Nullarbor

Stati attraversati in bici 6
Western Australia-South Australia – Victoria – Tasmania – New South Wales – ATC Australian Capital Territory

Stati attraversati in bus 2
South Australia – Northern Territory – per la visita a Uluru

Un set di freni cambiati ma anche gli attuali sono alla frutta

Due copertoni cambiati e quasi da cambiare quelli tutt’ora in uso

Forature 0 (zero) una camera d’aria esplosa mentre la gonfiavo col compressore, mi sono distratto😁- (è stata sacrificata tipo rito scaramantico)

Due raggi cambiati e relativa accordatura ai raggi dopo la sostituzione🎼🎸🚴

Una vite del portapacchi rotta

Innumerevoli regolazioni al cambio

Donne 0 (zero)😜😂😂

Animale più pericoloso per un ciclista in Australia: la gazza australiana

Non sono passati mai più di due giorni senza una doccia. 😷

Ho avuto più freddo che caldo, prevedendo un clima più caldo non ero preparatissimo per il freddo, alcune notti in tenda dormivo completamente vestito(senza scarpe ovviamente😁) dentro il sacco a pelo e mi ci infilavo prima del tramonto per evitare di prendere freddo e faticare poi a riprendere una buona temperatura. Per la Tasmania mi sono procurato un sacco lenzuolo da infilare nel sacco a pelo. Tutte le persone a cui ho chiesto mi hanno confermato un clima anomalo quest’anno, freddo e piovoso. Alcuni si sono lanciati in statistiche: sono 23 anni che… sono 50 anni che…
Per queste condizioni a Perth ho comperato un paio di guanti di lana e per renderli impermeabili durante la pioggia ho utilizzato due borse della spesa, le ho infilate ai lati del manubrio ho tagliato il fondo così ho creato una sorta di copri mano impermeabile…

Ricordo 2 giornate molto calde nel Nullarbor e un altro paio prima di arrivare a Canberra ma non un caldo esagerato

Inviato da iPhone

Pubblicato in Ushuaia-Alaska 2011 | Commenti disabilitati su Un po’ di dati

Buon Natale a tutti!!

Mentre passeggiavo per Sydney, come un modello di Detroit, mi sono detto aspetta che faccio gli auguri a tutti quelli che mi hanno seguito in questa esperienza. Grazie a tutti!
Auguri di buon Natale!!

Alex Drastico – “Mancavano quattro giorni a natale…”

https://youtu.be/l1qv_nCRd8U

Inviato da iPhone

Pubblicato in Ushuaia-Alaska 2011 | Commenti disabilitati su Buon Natale a tutti!!

6000 km fa..

Sono le 3 di pomeriggio di un sabato qualunque, entro in paese cercando qualcosa di interessante prima di dirigermi verso il Caravan park, vedo l’insegna del supermercato, bene probabilmente un po’ di cibo mi serve, peccato che chiuda alle 12 il sabato e riaprirà lunedì. Comincio a capire perché non vedo nessuno in giro. Ha tutto l’aspetto di una città fantasma, nessuna macchina che gira, neanche un anima.Continua il mio inseguimento del campeggio, chissà?! Sarà chiuso anche quello?! Intravedo due ragazzine in un parco giochi poi una macchina, un brivido di vitalità ha scosso il paese, c’è lo straniero senza nome che ha attraversato il deserto in sella alla sua bici, da chi scappa si chiederanno…?!
Il campeggio è aperto, devo suonare al campanello, “citofonare Susi…😜” mi chiede da dove chiamo?! Come da dove?! sono davanti al campeggio che domande!! Dall’abitazione a fianco esce un uomo e una donna, che vengono ad accogliermi.
Il campeggio ha tutti i confort, doccia calda, lavanderia, wi fi e locale cucina e TV color…
Sistemo le mie cose, mi scrollo la polvere sotto una bella doccia e finalmente lavo i panni sporchi.
Mentre cucino un altro avventore entra in cucina, deve lavare la sua pentola senza imbrattare il lavandino del suo caravan. Cominciano le chiacchiere, da dove vieni? dove vai?..ec ec ..
L’uomo si concentra a parlarmi dei dingo, questi cani selvatici dal comportamento simile a quello dei lupi.
Sono molto intelligenti dice, si muovono in branco e possono essere molto pericolosi, uno solo no, ma in branco possono uccidere animali più grandi di loro, possono attaccare anche l’uomo in branco. Se ne contano centinaia di migliaia forse milioni nell’outback.
Lo ascolto con le lacrime agli occhi, parla di questi animali come se li conoscesse così bene, la cipolla che sto usando è molto forte, in insalata con il pomodoro mi toglie il fiato oltre che commuovermi.
Dice che se vengo aggredito o ne vedo uno o un branco di usare un bastone, ma non per colpirli, ma per simulare un fucile, sono molto intelligenti continua a dire.
Jerramungup questo è il nome della città fantasma dove ho incontrato questo signore ormai 6000 km fa. Forse lui era un fantasma?! 😳😳Non ho mai visto un dingo nemmeno ho sentito altri dirmi di fare attenzione.
Lungo la strada spesso ho letto cartelli che allertavano i possessori di cani o gatti o non lasciarli allontanare dalla strada perché viene usato un veleno chiamato poison 1080 per tenere sotto controllo il numero di questi animali ma anche altri. E per tenerli lontani dalle strade.

Chissà?! Forse questo signore aveva voglia di chiacchierare e non sapeva cosa dire…

Inviato da iPhone

Pubblicato in Ushuaia-Alaska 2011 | Commenti disabilitati su 6000 km fa..

Monsieur Camembert Hallelujah

Canzone del giorno

Monsieur Camembert Hallelujah
Un altro suggerimento di Maggie e Paul

https://youtu.be/3dIRMeV-XEo

Inviato da iPhone

Pubblicato in Ushuaia-Alaska 2011 | Commenti disabilitati su Monsieur Camembert Hallelujah

Un po’ di foto

Inviato da iPhone

Inviato da iPhone

Pubblicato in Ushuaia-Alaska 2011 | Commenti disabilitati su Un po’ di foto

Animali pericolosi in Australia… altro che serpenti!!

Vedo un canguro saltellare attraversando la strada in silenzio, sembrava avesse le pantofole per non fare rumore. uno strano silenzio avvolge il momento, è quasi irreale. Sto attraversando una zona di vigneti in campagna.’Fluw fluw’ sento all’improvviso, un battito d’ali e tac qualcosa mi ha toccato il casco, mi fermo, mi giro, un paio di uccelli volteggiano sopra la mia testa, la prima cosa che mi viene in mente, e glielo dico anche, “aspettate che sia stramazzato a terra prima di cibarvi del mio cadavere… ”
Tornano sul loro ramo, li guardo, mi guardano… continuiamo…
Qualche giorno dopo mi ricapita la stessa cosa sempre in un momento di silenzio, di tranquillità assoluta… “fluw fluw… tac”
Sono uccelli bianchi e neri assomigliano alla nostra gazza, un po’ più sgraziati più simili al corvo come fattezza. Immagino per la somiglianza, di avere qualcosa di luccicante sul casco che li attrae, cominciano ad essere insistenti magari non arrivano a toccarmi
Il casco ma volteggiano su di me anche in due o tre alla volta e a turno provano l’attacco.
Cavolo ma cosa sta succedendo?! Mi sembra di essere nel film “Uccelli” di Hitchcock!
Mi fermo in un ufficio informazioni e tra le varie parlo anche delle gazze “magpies” una ragazza mi risponde che devo pedalare più forte, mentre si lascia andare ad una risata, non sono svelto a risponderle, vorrei dirle di andare a quel paese…
Mi metto alla ricerca di informazioni su internet e sbuca la gazza Australiana, è tutto ben descritto, durante la nidificazione che va da agosto a novembre, questi uccelli diventano iperprotettivi, chiunque si avvicina a piedi a cavallo in moto o in bici viene ritenuto un potenziale nemico. È bene indossare sempre il casco ed eventualmente decorarlo con finti occhi 👀 sul retro e qualcosa come antenne. La gazza tende a colpire alle spalle teme lo sguardo per quello che consigliano di mettere finti occhi sul retro, ma mi è capitato anche che mi attaccassero diretti al viso partendo da una staccionata a lato della strada.
Gnessa un chencher!!!
Più volte mi sono espresso nei loro confronti con questo francesismo.
Ovviamente il primo pericolo è che si perda l’equilibrio e nel frattempo arrivi un road train che ti scambia per un canguro ubriaco e faccia frittelle con il tuo profilo migliore. Certo una beccata in faccia o altrove o una stretta tra gli artigli sicuramente non sono un toccasana…
È una situazione alquanto stressante tenere d’occhio ogni uccello che prende il volo, ogni fischio e ogni battito d’ali che si sente.. e vedersi una gazza puntare dritto al tuo viso consapevole che lo fa per proteggere il territorio non per una briciola di pane, è una situazione impegnativa…
Pian piano arrivano le conferme degli altri ciclisti, quando vedono il mio casco con le antenne capiscono al volo e mi dicono che è un ottima idea, alcuni pedalando in gruppo non hanno avuto problemi, altri ancora con la bandierina che sventola forse hanno creato un diversivo, alcuni mi dicono di aver visto caschi pieni di buchi, racconti di podisti finiti all’ospedale per una beccata di troppo… chissà!?
Il passo tra realtà e leggenda è sottile, per quanto riguarda la mia esperienza avrei voluto farle volentieri in salmì o in umido con la polenta… ma è anche un animale protetto to mo…

Inviato da iPhone

Pubblicato in Ushuaia-Alaska 2011 | Commenti disabilitati su Animali pericolosi in Australia… altro che serpenti!!

Sono arrivato?! Si sono arrivato

13 dicembre santa Lucia
Da Queanbeyan a Canberra 25 km

Ho superato i 7000 km oggi… sveglia presto ma alla fine partenza ritardata alle 10. La strada e semplice un po’ trafficata ma buona. La prima cosa che vedo è il parlamento, non c’è nessuno poca gente intendo. Faccio le foto di rito, poi come per magia trovo un pub che serve dell’ottima birra… dai facciamo un brindisi 😜
Sono alla fine di questa avventura, ero a 170 km da Sydney ne ho fatti 211 per arrivare a Canberra che comunque sia è la capitale!
Raggiungo il campeggio, la sistemazione più economica, oggi sono stati pochi km, i giochi sono fatti inutile stare a correre… mi sistemo in campeggio, faccio il bucato la barba, un prurito incredibile, con il caldo poi… Mi rilasso!

14 dicembre
su consiglio vado a visitare il national museum of Australia, è facile girare Canberra anche se il campeggio è un po’ fuori in 10 minuti di bici sono in centro. Do un occhiata anche alla national gallery. Nel mezzo mi informo per raggiungere Sydney in bus o in treno.
Sempre su consiglio cerco informazioni a riguardo perché da Sydney partono una rete di autostrade molto trafficate, la via più comoda per raggiungerla era la costa, dove ero prima. Il treno sembra la miglior soluzione…

15 dicembre
Il treno parte presto devo mettere la bicicletta in un cartone ma me lo forniscono loro, faccio tutto in stazione prima di partire. Un gioco da ragazzi.
Arrivato a Sydney esco dalla stazione, dopo aver rimontato la bici, mi dirigo verso l’opera theater, il traffico è effettivamente incasinato e in più piove…
Mi ero illuso di trovare un hostello super economico, in effetti è il più economico, ma non super, gli standard di Sydney sono un po’ alti… ovviante il costo ridotto si nota subito nell’ordine e nella pulizia, ma si sapeva…

Inviato da iPhone

Pubblicato in Ushuaia-Alaska 2011 | Commenti disabilitati su Sono arrivato?! Si sono arrivato

Geoffrey Gurrumul Yunupingu – Bapa

Come canzone del giorno comincio con gli artisti suggeriti da Maggie. Un artista aborigeno
Geoffrey Gurrumul Yunupingu – Bapa

https://youtu.be/MKC-Jd7KN64

Inviato da iPhone

Pubblicato in Ushuaia-Alaska 2011 | Commenti disabilitati su Geoffrey Gurrumul Yunupingu – Bapa

Deviazione verso Canberra

10 dicembre
Riposo
Pedalatina a Jarvis bay di 25 km
Poi giornata di riposo in casa di Maggie e Paul. Chiedo informazioni sul percorso e considerato il tempo che ho a disposizione mi suggeriscono di deviare per Canberra. Ok ci provo…
Chiacchieriamo di un sacco di cose, Maggie è appassionata di musica e adora Pavarotti. Poi tra le altre condividiamo diversi nomi di cantanti finora sconosciuti a l’uno o all’altro…
Prima di cena devo fare una pennica sono cotto.. poi ceniamo e come sottofondo ci accompagna Bocelli.

11 dicembre Da falls creek a nerriga 71 km

Com’è difficile partire questa mattina, andiamo prima velocemente con Maggie a fare un po’ di spesa poi beviamo un altro caffè e condividiamo ancora un po’ di musica così sono le 10:30 passate quando monto in sella…
Mi hanno indicato la strada alla perfezione per raggiungere Canberra per un buon tratto sono strade secondarie con poco traffico. Si vede che Maggie e Paul vanno in bici le loro indicazioni sono precise, hanno detto 70 km e sono 70. Ci sarà salita fino a… ed è così!!
Arrivo a Nerriga e chiedo di campeggiare dietro al pub come consigliato, perfetto! ceno nel locale con qualche birra.

12 dicembre
Da nerriga a Queanbeyan 115 km

Non volevo arrivare fin qua lo giuro!!
Parto da Nerriga chiedendo informazioni al tipo del pub mi conferma le info date da maggie e Paul, quindi considero come meta Bungendore circa 85 km mi sembra buono. Arrivo a Tarago e decido di mangiare in un locale più che altro la calura mi invita a farmi un paio di birre… dopo lunghi ripensamenti parto a Bungendore faccio più o meno la stessa cosa ma con coca e gelato. Cerco un posto per dormire ma è tutto caro, vedo su wikicamps un paio di campeggi più avanti, continuo, uno è una rest area l’altro un campeggio attrezzato per nudisti, poco male fa un caldo.. pedala pedala il campeggio non si vede.. continuo sono quasi a Canberra ma non ne ho più così mi fermo a Queanbeyan domani ho tutto il tempo di arrivare..

Inviato da iPhone

Pubblicato in Ushuaia-Alaska 2011 | Commenti disabilitati su Deviazione verso Canberra

Lou Reed – Perfect Day

Direi che come canzone del giorno dopo aver ascoltato Philip che la cantava mentre innaffiava i fiori è perfetta

Lou Reed – perfect day

https://youtu.be/9wxI4KK9ZYo

Inviato da iPhone

Pubblicato in Ushuaia-Alaska 2011 | Commenti disabilitati su Lou Reed – Perfect Day