VI tappa dal rif Vazzoler a rif Sommariva al Pranperet

VI tappa 2 agosto

Dal rifugio vazzoler al rifugio sommariva al pranperet 7 ore
In serata al vazzoler faccio conoscenza con il mio compagno di camerata un signore spagnolo,  catalano come sottolinea lui, parliamo di cammini e mi racconta del cammino dei cristiani katari, un gruppo di cristiani perseguitati dal papa perché troppo puri al tempo in cui il papa faceva come gli pareva.. (tutto da verificare).
Lui rimane lì ad aspettare alcuni suoi amici un canadese due tedeschi ec la solita barzelletta…
Durante la notte piove forte ma forte, prima di dormire uno dei gestori viene a chiudere il lucernario perché non piova dentro, durante la notte piove dentro cade una goccia allora prima di svegliare tutto il rifugio mi alzo e vado a vedere ma non è il lucernario secondo me… fortuna smette di piovere..
il mattino parto nelle 8 seguo la strada in discesa incontro un signore intento a raccogliere le pigne di Pino mugo per farci la grappa scambio due parole su come la fa poi riparto… dopo poco mi chiedo, ma ormai dev’esserci il bivio, e difatti l’avevo passato… di poco pero’ ..  riprendo la strada e salgo è una giornata nuvolosa e grigia il sentiero non è dei più belli, certo rispetto al giorno prima… comunque sia in 3 ore arrivo al rifugio carestiamo prendo uno strudel come merendina e mi ritrovo a parlarle con un signore sull’alta via, mi dice se vuoi, qui è tutta strada bianca e poi asfalto ti do un passaggio.. volentieri.. salgonsul pick-up con lui mi racconta che è un apicolture e le api tanta roba… poi dice che ha gestito il rifugio di prima per 27 anni.. e volontario del soccorso alpino tutto questo indicandomi le cime da una parte e dall’altra per nome cognome e codice fiscale … finché gli ho detto fammele segnare che me le dimentico grazie mille comunque per il passaggio riparto sul sentiero in salita mi ha indicato la strada per tutti i versi mi tornano in mente i nomi dei luoghi solo mentre li faccio comunque tutto perfetto … arrivo in un prato con una malga e una fontana ci sono escursionisti fermi a riposare e rifocillarsi, a me viene solo da dire… a me questo locale piace!!! Chiedo quanto manca al rifugio mi dice 2h 30 mi pare troppo ma vabbè poco alla volta arriverò… in effetti già i primi cartelli segnano meno … 1h  circa meglio aver avuto un indicazione in più che in meno .. le rivedo al rifugio mi dice non era proprio 2h30′ ci ridiamo sopra
Anche il rifugista ha i suoi contenitori per le grappe intenti ad infondersi Pino mugo e cimbro speravo di assaggiarne dopo cena ma non sono tra quelle già fatte provo con il cumino
Questa voce è stata pubblicata in Ushuaia-Alaska 2011. Contrassegna il permalink.