Deviazione verso Canberra

10 dicembre
Riposo
Pedalatina a Jarvis bay di 25 km
Poi giornata di riposo in casa di Maggie e Paul. Chiedo informazioni sul percorso e considerato il tempo che ho a disposizione mi suggeriscono di deviare per Canberra. Ok ci provo…
Chiacchieriamo di un sacco di cose, Maggie è appassionata di musica e adora Pavarotti. Poi tra le altre condividiamo diversi nomi di cantanti finora sconosciuti a l’uno o all’altro…
Prima di cena devo fare una pennica sono cotto.. poi ceniamo e come sottofondo ci accompagna Bocelli.

11 dicembre Da falls creek a nerriga 71 km

Com’è difficile partire questa mattina, andiamo prima velocemente con Maggie a fare un po’ di spesa poi beviamo un altro caffè e condividiamo ancora un po’ di musica così sono le 10:30 passate quando monto in sella…
Mi hanno indicato la strada alla perfezione per raggiungere Canberra per un buon tratto sono strade secondarie con poco traffico. Si vede che Maggie e Paul vanno in bici le loro indicazioni sono precise, hanno detto 70 km e sono 70. Ci sarà salita fino a… ed è così!!
Arrivo a Nerriga e chiedo di campeggiare dietro al pub come consigliato, perfetto! ceno nel locale con qualche birra.

12 dicembre
Da nerriga a Queanbeyan 115 km

Non volevo arrivare fin qua lo giuro!!
Parto da Nerriga chiedendo informazioni al tipo del pub mi conferma le info date da maggie e Paul, quindi considero come meta Bungendore circa 85 km mi sembra buono. Arrivo a Tarago e decido di mangiare in un locale più che altro la calura mi invita a farmi un paio di birre… dopo lunghi ripensamenti parto a Bungendore faccio più o meno la stessa cosa ma con coca e gelato. Cerco un posto per dormire ma è tutto caro, vedo su wikicamps un paio di campeggi più avanti, continuo, uno è una rest area l’altro un campeggio attrezzato per nudisti, poco male fa un caldo.. pedala pedala il campeggio non si vede.. continuo sono quasi a Canberra ma non ne ho più così mi fermo a Queanbeyan domani ho tutto il tempo di arrivare..

Inviato da iPhone

Questa voce è stata pubblicata in Ushuaia-Alaska 2011. Contrassegna il permalink.