Vientiane

8/9 marzo 2016

Vi ho lasciati dicendo che lo spagnolo si parla sempre volentieri, ma voglio aggiungere che quando ho salutato le due ragazze chiedendogli quanto tempo si fermavano in Laos, la loro risposta è stata, non lo sappiamo!… ho ribattuto che era la risposta migliore che potessero darmi…
Bene dopo ho girovagato un po per pakse in attesa del bus e per vedere qualcosa di interessante. Il mio programma prevede di prendere il bus per Vientiane, la capitale, per trascorrere gli ultimi giorni prima del volo di ritorno. Trovo un locale dove poter sorseggiare un caffè in attesa del bus notturno, mi farebbe piacere darmi una ripulita, dopo una giornata in bici a 38 gradi.., ma vediamo cosa posso fare… Quando chiedo del bagno mi indicano che è sul retro.. Ok pazienza! Invece no ha anche la doccia… Fantastico!! Ringrazio tantissimo e chiedo se devo dare qualcosa per il servizio, non vogliono niente, va beh prenderò una birra… 😜
Dopo aver caricato e legato la bici nello scomparto bagagli del bus avrei bisogno di un altra doccia ma pazienza almeno non ho polvere addosso. Ho un ora di tempo, mi siedo in un chiosco e mangio un gelato mentre tengo sotto controllo il bus. Sono bus a due piani con le cuccette al posto dei sedili, un piccolo spazio per i bagagli sotto le cuccette e un buon bagagliaio dove ho messo la bici. Sono fantastici! Me la godo faccio la dormitona anche se quando sobbalzo troppo spero per la bici di averla legata bene🙏!
Al mattino con le prime luci arriviamo alla southern station di Vientiane. Scarico la bici, la rimonto e vado verso il centro… Mi fermo per la colazione al primo locale che mi ispira, poi riprendo la ricerca dell’ostello. Trovo un locale economico, mi sistemo, doccia e lascio il bucato alla signora, magari gli ultimi giorni li faccio con una maglia pulita senza tracce di sabbia… Poi parto per visitare la città, già la seconda colazione in una pasticceria francese mi costa come l’ostello😁😁 va bhe un croissant ci stava..😜😜
Uso la bici ancora per girare più agevolmente, né approfitto prima di smontarla per imballarla di nuovo. La città è abbastanza movimentata i motorini nell’ora di punta non disdicono di salire sui marciapiedi per farsi strada e io ovviamente dietro… Ci sono un sacco di turisti con tutte le attività per servirli.. In serata la strada lungo il Mekong viene chiusa al traffico e si trasforma in un gran mercatino con gente che corre e va in bici, in questa stagione il fiume è molto basso così ci sono sentieri anche nella sabbia sembra una spiaggia dove la gente fa di tutto, camminate corse e partite di pallone.
Intanto i locali lungo questa via si animano, gli stereo suonano si accendono le luci mentre si assiste all’ennesimo sole rosso che tramonta sul Mekong…

Inviato da iPhone

Questa voce è stata pubblicata in Ushuaia-Alaska 2011. Contrassegna il permalink.