Trasferimento a Nong Khiao

23 febbraio trasferimento da Luang Prabang a Nong Khiao
Questa mattina riesco ad alzarmi presto per poter vedere il tak-bat, la processione dei monaci lungo la via principale della città dove i devoti offrono loro il cibo che gli servirà, o meglio che gli dovrebbe bastare, per la giornata.
All’ostello il cancello è chiuso, devo svegliare il tipo alla reception che dorme appena dietro avvolto in una coperta sovrastato da una zanzariera. Non lo noto subito perché c’è un altra persona che cerca di dormire su delle sedie messe in fila nella sala grande. Mi avvicino ma è un ospite, una ragazza cinese che non so come mai dorme lì, forse è arrivata tardi questa notte. Comunque sia decide di seguirmi a vedere la processione. Sioa, questo è quello che ho capito del suo nome, pensate il mio Raffaele, tutto un lalalele 😂😂😂
Arriviamo presto, siamo lì alle 5:30 ma fino alle 6:30 non c’è nulla, poi comincia ad arrivare una marea di gente.. Troupe televisive! Pensa che sulla guida c’era scritto di essere il più discreti possibile! Sarà!! Sembra una schiera di paparazzi al passaggio di un divo! Va Bhe!! Perde un po’ quel mistico che mi immaginavo!
Tornato in ostello solo, la ragazza l’ho persa tra i paparazzi, mi preparo per andare a prendere il bus per Nong Khiao, arrivo alla stazione dei minivan faccio il biglietto e dopo un po’ la bigliettaia mi richiama e dice che oggi non partono bus da qui per Nong Khiao mi restituisce i soldi e mi manda alla stazione nord. Va bene!! Andiamo! Alla stazione nord il bus c’è mi va anche bene che bici compresa spendo la metà che con l’altro, per forza è un furgone aperto con le panche sul cassone. E i bagagli sul tetto e la bici sopra a tutto. Siamo tutti turisti a parte tre locali su 15.
Il viaggio saltellante dura poco più di 3 ore, l’autista si era messo avanti dicendo 4, un maestro!! I ragazzi sul bus sono per la maggior parte francesi oltre ad una coppia italiana. Parlo con il ragazzo, loro vengono da sud e mi consigliano alcuni itinerari.
Il resto della giornata la passo a riposare e fare un giro per il villaggio scattando qualche foto al tramonto sul fiume nam-ou.
Inviato da iPhone

Questa voce è stata pubblicata in Ushuaia-Alaska 2011. Contrassegna il permalink.